IL MAXGAZZÉ (DA UN'IDEA DI AKILLE.NET)

Volete giocare anche voi al Maxgazzè? 

Tutto è cominciato grazie ad Achille e ai suoi amici in spiaggia. Io poi ho proposto il salto deciso nell'enigmistica. Ma la cosa era già molto divertente di per sé.

In breve, per chi non volesse cliccare sul link al post di Achille (ma perché poi?): avete presente la canzone "Il solito sesso" di Gazzé, portata all'ultimo Sanremo? Avete presente il primo verso? Fa così: "Ciao, sono quello che hai incontrato alla festa".

Orbene, il gioco nella sua forma base (non enigmistica) consiste nell'inventarsi una frase che riproduca la metrica dell'originale e termini con una parola che fa rima o assonanza con festa, ovvero che termini in -esta, -asta, -ista, -osta o -usta (sono ammesse anche altre assonanze, ma senza allontanarsi troppo dall'originale). La frase va fatta precedere da una sintetica definizione di chi potrebbe pronunciare quella frase o della situazione nella quale potrebbe essere pronunciata. Nei commenti al post di Achille ci sono ormai centinaia di esempi, diversi dei quali parecchio spassosi.

Nella forma enigmistica, la definizione deve contenere indizi sufficienti a fare indovinare la parte della frase che segue "ciao, sono/siamo quello/a/i/e che", la quale viene criptata e della quale si fornisce solo il numero delle lettere per ogni parola.

Esempi facili facili:

  • Valentino Rossi: ciao, sono quello che 2, 2, 12
  • Giuseppe Gibilisco: ciao, sono quello che 2, 2, 5, 3, 1, 4

Riporto pure quelli (un po' più difficili) che ho già postato nei commenti di Achille:

  • Alla manifestazione pro Palestina con la bandiera del Tibet: ciao, sono quello che 2, 9, 8
  • Gesù, figlio di Maria, nipote di Elisabetta: ciao, sono quello che 2, 2, 6, 8
  • San Giovanni Battista: ciao, sono quello che 3, 1, 11
  • Jaco Pastorius, parlandone da vivo: ciao, sono quello che 1, 2, 8, 8
  • Il fondatore dei Subsonica: ciao, sono quello che 2, 2, 7, 6
  • Edoardo Raspelli a Montalcino: ciao, sono quello che 2, 8, 2, 5

A voi cercare di risolverli o di inventarne di nuovi, criptati e non. 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...