I BISOGNI DI GEMINELLO

"Internet diseduca anzitutto perché solo una persona ch’è già molto colta è in grado di orientarsi nella sua infinità di voci, ma allora non ne ha bisogno."

Quel che c'è di buffo nella ormai celeberrima e commentatissima frase scritta qualche giorno fa da Geminello Alvi a proposito di internet è che il suo cuore argomentativo ("solo una persona ch’è già molto colta è in grado di orientarsi nella sua infinità di voci") è paradossalmente vero e non vale solo per internet, ma anche per un sacco di altre cose. A caso così come mi vengono in mente: la Fenomenologia dello Spirito di Hegel, L'anello del Nibelungo di Wagner, la Divina Commedia, i quadri di Mondrian, Gödel, Escher, Bach di Hofstadter, la teoria della relatività, la cattedrale di Chartres.

Tutte cose delle quali, in effetti, Geminello Alvi non deve avere 'sto gran bisogno.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...